Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

www.vintagemodels.it


Vai ai contenuti

911 996 GT3

My collection > Porsche

Porsche 911 series 996 GT3 (1999)
- Burago (modified) -

Col modello 993, la 911 aveva raggiunto il massimo sviluppo possibile. Grazie alla sospensione "LSA" il comportamento era ottimo, all'altezza delle migliori GT a motore centrale, ma il raffreddamento ad aria impediva ulteriori evoluzioni, come ad esempio una testata a 4 valvole per cilindro.
Inoltre la linea del padiglione (invariata dal 1963) non consentiva ulteriori affinamenti aerodinamici. Bisognava progettare un modello completamente nuovo, ma che mantenesse l'identità estetica e meccanica (motore 6 cilindri boxer posteriore a sbalzo) della 911, evitando gli errori commessi con le varie Porsche 944 e Porsche 968: evolute tecnicamente, ma fallimenti commerciali.

Fu così che alla fine del 1997 nacque la 911 serie 996. Un modello completamente nuovo, sia tecnicamente che esteticamente, ma indubbiamente legato alla tradizione, in pratica una riedizione dei modelli tradizionali.

Dal punto di vista tecnico le novità riguardarono soprattutto le sospensioni anteriori (comuni alla Porsche Boxster) a quadrilateri ed il motore, sempre sei cilindri boxer, ma con raffreddamento ad acqua e testata a 4 valvole per cilindro. Posteriormente venne riproposta una riedizione della sofisticata sospensione posteriore "LSA".
L'ESP integrava il lavoro delle sospensioni ed erano disponibili due tipi di trazione: posteriore o integrale permanente a gestione elettronica.

Grazie alla distribuzione a 24 valvole con fasatura variabile il boxer, nonostante la cilindrata ridotta a 3387 cm³, era in grado di fornire 296cv. Anche gli interni erano completamente nuovi.
La gamma era composta dalle versioni coupé e cabriolet alle quali s'aggiunse successivamente la versione Targa con tetto in cristallo, come sulla 993.

Nel 1999 arrivò la GT3, con motore aspirato di 3,6 litri da 360cv e carrozzeria alleggerita.

Date tutte queste innovazioni, i puristi l'hanno considerata un modello totalmente nuovo e non un'ulteriore tappa dell'evoluzione della 911.

È stata inoltre la 911 più venduta della storia. Ciò nonostante la 911 996 non fu veramente gradita al "popolo Porsche" che contestò a gran voce la fanaleria anteriore piuttosto vistosa e cosiddetta "uovo fritto" che soppiantava per la prima volta il faro tondo tipico della 911 e della Targa.

Non insensibile al malcontento venne, attraverso un restyling intermedio anticipato dalla versione Turbo, ridotta la forma del faro per giungere di nuovo con il modello 997 alla tipica configurazione del frontale in osservanza alla tradizione Porsche.

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu