Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

www.vintagemodels.it


Vai ai contenuti

RS1800 Mintex Rally '81

My collection > Ford > Escort

Ford Escort RS1800 #1 (Airikkala/Short) Mintex International Rally (1981)
- Sunstar (Limited N° 335/1979) -

La più longeva e vittoriosa Escort di tutti i tempi, una vettura che nei rally ha vinto tutto quel che c'era da vincere: per Ford e per l'intero automobilismo sportivo la RS1800 ha scritto memorabili pagine di storia!

Questa Escort è stata in produzione da giugno 1975 fino a settembre 1977. I primi 50 esemplari erano stati costruiti sul corpo vettura dell'Escort Sport, telaio inglese quindi, nella fabbrica di Pilot plant (Aveley) dove dopo la chiusura dell'AVO c'era un nuovo dipartimento di assemblaggio; tutti i successivi esemplari invece avevano il corpo vettura che derivava dall'Escort Mexico "tedesca" prodotta nella factory di Saarlouis: in sostanza vennero trasportate in Inghilterra le Escort Mexico e venne sostituito il motore "Pinto" di 1,6 litri con una nuova versione del BDA portato ora a 1835cc!

Ecco perché in molti considerano la RS1800 come una Mexico ipervitaminizzata! Della Mexico rimasero infatti anche i medesimi freni, sospensioni, differenziale, asse posteriore e spoiler anteriore e posteriore mentre a sviluppare il 1,8 litri fu, come spesso nella storia di questi motori, Brian Hart. Nonostante l'incremento di cilindrata dai 1599cc della RS1600 Mk1 ai 1835cc della RS1800 Mk2, la potenza della versione stradale scese di poco (115cv anziché 120) ma usare un motore dalla cilindrata più elevata permise, grazie ai regolamenti sportivi di allora, di utilizzare la RS1800 da subito col motore di 2 litri dando origine a quella che può essere considerata la più grande auto da rally di tutti i tempi!
Sia per la Gr. 2 che per la Gr.4 (omologata il 1 aprile 1977), il cambio era uno ZF a 5 marce. Il 2 litri della versione da rally aveva potenze comprese tra 240 e 275cv, rispettivamente delle prime versioni con 2 carburatori doppio corpo o delle seguenti ad iniezione. Gli ammortizzatori a gas erano della Bilstein, i freni a disco sulle 4 ruote e i passaruota erano molto allargati.

Della RS1800 venne realizzata anche una versione asfalto ("Tarmac") e la vettura continuò a vincere fino all’avvento delle 4x4 Gr. B.

Tornando alla vettura stradale, alla versione "base" si potevano aggiungere svariati accessori (luci posteriori antinebbia, cerchi in lega, chiusura centralizzata, autoradio, ecc.) mentre la versione "Custom", praticamente quasi limitata ai soli esemplari prodotti in Inghilterra, prevedeva di serie consolle centrale, orologio, tasca per guanti, rivestimento in moquette del vano bagagli ed era in generale più rifinita.

Della RS1800 Mk2 vennero prodotti 109 esemplari: tutti nel classico "Diamond White" tranne un'auto per la stampa prodotta in "Carnival Red" ed una vettura stradale venduta in "Venetian Red".

Successi sportivi

...Non basterebbe un sito per parlare delle gesta di questa favolosa automobile!

17 vittorie nel mondiale rally tra il 1975 ed il 1981, campione mondiale marche rally 1979, campione mondiale piloti rally 1979 (Waldegaard) e 1981 (Vatanen, con una vettura privata!!! La celeberrima Escort sponsorizzata "Rothmans" e preparata da David Sutton), 5 vittorie consecutive al RAC (1976-1979), dominio al Safari 1977... un numero impossibile da citare di gare e campionati rally vinti in ogni angolo del globo...

L'Escort RS Mk2 non è un'auto da rally, è "l'auto da rally" per antonomasia!!! Per moltissimi anni questa vettura ha continuato a fare assoluti infischiandosene dell'avvento del turbo e della trazione integrale... Pensate che ancora nel 1983 la RS1800 vinse gare in Australia, Nuova Zelanda, Cipro, Kenia, Finlandia e Norvegia... un mito!

Con questa vettura sono saliti agli onori delle cronache campioni del calibro di Waldegard, Vatanen, Mikkola, il "solito" Clark, Makinen, Hamalainen, Wilson, Droogmans, ecc. ecc.

Usata anche nelle gare in pista tedesche (Gr. 5, le celeberrime Silhouette) con Heyer e Ludwig conquistò il primo ed il secondo posto nel 1976.

Grande gloria anche nei rallycross, con Martin Schanche che vinse il titolo continentale nel 1978, 1979 e 1981, in quest'ultimo caso con il BDA turbocompresso preparato da Zakspeed.

Potevano mancare i successi nelle gare in salita? Certo che no! In questa sede ricordiamo i soli titoli continentali ottenuti da Pohlmann nel 1977 (Divisione A) e da Stenger nel 1981 (Divisioni 1 e 2) in entrambi i casi con la RS1800 Gr. 2.


Fonte:
http://fordrsitalia.altervista.org/

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu