Hosting gratuito e dominio gratis offerti da HostingGratis.it

www.vintagemodels.it


Vai ai contenuti

S4 Rac Rally '85

My collection > Lancia > Delta

Lancia Delta S4 #6 (Toivonen/Wilson) 34ª Lombard Rac Rally (1985)
- Autoart (Limited n°1110/3000) -

La Delta S4 rappresenta la massima espressione tecnologica della Lancia, oltre ad essere la vettura Gruppo B più estrema mai concepita.

Nonostante queste ottime credenziali, essa ha avuto vita breve: introdotta nel 1985 all'ultima gara (il RAC), cesserà la sua carriera al termine del 1986 a causa dell'abolizione del Gruppo B.

Dopo il titolo mondiale del 1983, la Rally-037 inizia un lento declino: la trazione posteriore si dimostra nettamente inferiore a quella integrale nelle prove su fondi non asfaltati, inoltre il compressore volumetrico da punto di forza diventa ben presto un limite molto pesante nei confronti della concorrenza turbocompressa (Audi Quattro e Peugeot 205 T16).

Così nell’aprile 1983 (nemmeno un anno dopo il debutto della Rally 037) si parte col progetto di un'ipotetica vettura da rally a trazione integrale.

Questa auto, la prima Lancia a trazione integrale, sarà dotata di un turbocompressore per cercare di eliminare il “turbo-lag” (il ritardo di risposta del turbo, dovuto all'inerzia delle giranti) che invece affligge le Audi e le Peugeot.

Per rispondere a questa esigenza, la nuova Delta S4 adotta un motore rivoluzionario: a una classica architettura a 4 cilindri in linea, 16 valvole di 1759cc, montato centralmente, viene abbinato un inedito sistema di sovralimentazione combinata fra compressore volumetrico e turbocompressore.

Il Volumex era già stato impiegato nella Rally 037 e aveva il vantaggio di "spingere" già a 2000 giri/min. La potenza pura veniva invece dal turbocompressore a gas di scarico. L'unione dei due sistemi permise elasticità e potenza.

I due sistemi di sovralimentazione vennero accoppiati escludendo il Volumex agli alti regimi di rotazione dove funzionava solo il turbocompressore KKK. I due compressori spingevano in continuazione l'aria su un raccordo ad Y. Qui era presente una valvola che escludeva il tubo con minor pressione. Pertanto ai bassi regimi il Volumex aveva più pressione del turbo e quindi immetteva l'aria nella camera di aspirazione. Via via che aumentava l'energia dei gas di scarico, aumentava anche la portata del turbo. Pertanto per un breve periodo entrambi soffiavano nel motore, finché poi al crescere dei giri la valvola escludeva il Volumex (che però continuava ad essere collegato al motore) in quanto la pressione del turbo era maggiore.

La presentazione ufficiale della S4 avviene nel dicembre 1984, ma quello esposto è ancora un prototipo che necessita di molto lavoro per essere messo a punto: la sovralimentazione combinata dà non pochi grattacapi ai tecnici dell'Abarth e il debutto previsto per agosto 1985 al rally “1000 Laghi” di Finlandia slitta all'ultima gara della stagione, il “Rac” in Gran Bretagna.

Lo sviluppo dell'auto è affidato al capo collaudatore dell'Abarth, Giorgio Pianta, e successivamente a Massimo "Miky" Biasion.

Nel novembre del 1985 il team Lancia-Martini iscrive due Delta S4 al RAC. Il telaio 201 viene affidato a Markku Alen e Ilkka Kivimaki, che corrono col numero 3, mentre col numero 6 partecipano Henri Toivonen e Neil Wilson, sulla vettura 202.

Al loro esordio le due S4 trionfano occupando le prime due posizioni finali, con Toivonen davanti a Alen.

Cesare Fiorio riassume in poche parole questo successo:
"eravamo venuti in Inghilterra con molti timori e punti interrogativi; ancora una volta però abbiamo dimostrato che quando la Lancia si presenta, lo fa sempre ai massimi livelli".


Fonte:
sportclubmaggiora.it

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu